RSS

Scuole private: senza oneri per lo Stato?

01 Nov

La nostra Costituzione, all’art. 33, proclama solennemente che enti e privati hanno il diritto di istituire scuole, ma “senza oneri per lo Stato”. Come la mettiamo allora con i finanziamenti statali alle scuole private paritarie? Una rottura della Costituzione o un’attuazione consapevole del modello del pluralismo scolastico ed educativo? Una scelta sensata o solo oneri a carico dell’erario?

di Bartolo Salone

Il 4 luglio il Ministro dell’Istruzione Francesco Profumo annunciava tagli per 60 milioni di euro ai finanziamenti per le scuole private paritarie che pertanto, dai 511 milioni di euro dell’anno in corso, scenderanno nel 2013 a 450 milioni. In tal modo, si riduce ulteriormente quello che, all’evidenza, appare tutt’oggi come un mero contributo di sostentamento, con il rischio di chiusura di numerosi altri istituti scolastici privati, in aggiunta alle 605 scuole che nell’autunno del 2011 non hanno riaperto i battenti. Una decisione, quindi, quella del governo, destinata a riaccendere le polemiche tra i sostenitori e gli avversari del finanziamento pubblico alle scuole private. E non è azzardato prevedere che il dibattito si concentrerà proprio sull’art. 33 della Costituzione, il quale, se al comma 4 impone alla legge il delicato compito di assicurare alle scuole private che chiedono la parità “piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni delle scuole statale”, al comma 3 sottolinea come “enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione”, ma “senza oneri per lo Stato”. La questione si gioca tutta sul modo di intendere l’inciso “senza oneri per lo Stato”. Ma siamo sicuri che tale inciso, nella sua infelice formulazione, si traduca in un divieto assoluto per lo Stato di sostenere le scuole paritarie mediante la previsione di erogazioni finanziarie in loro favore?In realtà, una simile interpretazione, come da parecchi studiosi osservato, finirebbe col contraddire altri importanti principi costituzionali, come il principio del pluralismo scolastico ed educativo che osta a qualsiasi velleità per lo Stato di monopolizzare l’istruzione pubblica nonché lo stesso diritto all’istruzione, che implica fra l’altro il riconoscimento ai fanciulli e ai loro genitori della libertà di scelta tra scuola statale e scuole paritarie. Viene poi in gioco il principio di eguaglianza sostanziale, nella misura in cui emerga la necessità di eliminare quegli ostacoli di carattere economico e sociale che impediscono agli alunni e alle loro famiglie di compiere in tal senso una scelta realmente libera e consapevole. La concreta attuazione di tali principi non può non passare anche e soprattutto attraverso la considerazione degli aspetti finanziari delle politiche pubbliche in favore della libertà di istruzione e del pluralismo del sistema educativo. Ecco perché, in un’ottica sistematica che guardi cioè al testo costituzionale nel suo complesso, appare difficilmente sostenibile un’interpretazione così restrittiva dell’art. 33, co. 3 Cost. Ma se l’inciso “senza oneri per lo Stato”, a dispetto del dato letterale, non implica un divieto assoluto per lo Stato di finanziare le scuole private paritarie, cosa altro può significare? Qui dobbiamo guardarci, invero, dal rischio di interpretazioni “riduttive”, come quella proposta da chi ritiene che l’inciso faccia riferimento alle scuole private tout court cioè a quelle che non hanno ancora ottenuto la parificazione o che non sono interessate a chiederla, escluse pertanto dalla possibilità di finanziamenti pubblici, e non alle scuole private paritarie, le quali avrebbero al contrario un diritto costituzionale a erogazioni da parte dello Stato. Anche questa interpretazione, a dire il vero, va respinta, traducendosi in una sorta di “interpretatio abrogans” che non dà conto dell’intenzione dei Padri costituenti. Se andiamo ai lavori preparatori si veda al riguardo il resoconto della seduta svoltasi in seno all’Assemblea costituente il 29 aprile 1947, ci accorgiamo, infatti, che fin dall’inizio della seduta che portò all’approvazione dell’attuale testo dell’art. 33 Cost. si era formato un accordo trasversale tra i diversi gruppi politici sul significato da attribuire alla norma. In particolare, quasi tutti concordavano sul fatto che l’art. 33 Cost. non dovesse occuparsi degli aspetti economico-finanziari e che pertanto la formula dell’equipollenza di trattamento scolastico confluita infine nel comma 4 andasse rigorosamente circoscritta all’organizzazione della scuola e dei diplomi, escluso nel modo più assoluto il trattamento economico. Con l’inciso “senza oneri per lo Stato”, inserito nell’ultima votazione, l’Assemblea costituente ha voluto così eliminare ogni ambiguità, ribadendo l’inesistenza di un diritto costituzionale al finanziamento per le scuole private, senza però imporre, d’altro canto, al legislatore un divieto esplicito in tal senso. In sintesi, nell’esercizio della sua discrezionalità, il legislatore non ha un obbligo, ma una semplice facoltà di prevedere stanziamenti pubblici in favore delle scuole private. Pertanto, vanno respinte, a ragion veduta, le due contrapposte tesi, tanto quella di chi pensa che le scuole private paritarie abbiano un diritto costituzionalmente garantito al finanziamento statale, quanto quella che fa discendere dall’art. 33 Cost. un divieto tassativo per lo Stato di disporre stanziamenti in favore delle scuole private.

viaScuole private: senza oneri per lo Stato?.

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 1 novembre 2012 in Scuole paritarie

 

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: